top of page

Castelcivita e le sue Grotte (SA) - Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni-Patrimonio UNESCO-Campania

Sono conosciute anche come "grotte di Spartaco", per via di una narrazione popolare (plausibile ma non appurata) che vide il gladiatore romano sostare in queste cavità, mentre muoveva la rivolta degli schiavi verso Roma... #tuttitaly


Nel 1863, il villaggio di Castelluccia e quello di Civita si unirono dando vita a Castelcivita.


Castelcivita sorge in provincia di Salerno e vanta, tra le sue attrazioni turistiche, una Torre Angioina del XIII secolo e le affascinanti Grotte di Spartaco.


Le Grotte di Castelcivita sono un complesso di cavità carsiche ricche di stalattiti e stalagmiti di diverse forme. Si estendono per diversi chilometri nel massiccio degli Alburni, ma solo 1700 m sono accessibili ai visitatori.

La prima esplorazione documentata

Il 7 febbraio 1889, due giovani fratelli di Controne, Giovanni e Francesco Ferrara, di rispettivamente 14 e 16 anni, iniziarono l'esplorazione delle grotte. Portarono con loro due lucerne ad olio e alcuni fiammiferi per potersi orientare all'interno delle cavità, ma dopo circa 300 metri, i due fratelli rimasero intrappolati in una zona della grotta piena guano di pipistrello e anidride carbonica.

La carenza d'ossigeno rese impossibile il funzionamento delle lucerne e i due giovani restarono al buio.

Solo dopo sei giorni, i primi soccorsi riuscirono a localizzare Giovanni, che nonostante le sue gravi condizioni riuscì a sopravvivere. Francesco fu ritrovato il giorno dopo e morì durante il trasporto verso casa.


Le seguenti esplorazioni

In seguito al tragico evento, nessuno si avvicinò più alle grotte fino al 1920, quando Nicola Zonzi, farmacista di Castelcivita, decise di fare un'esplorazione preliminare.

In seguito, grazie ad una sua descrizione, negli anni 20' e '30 del XX secolo, gli speleologi mapparono le grotte in modo sistematico. L'ingresso principale venne allargato e adattato per accogliere i primi visitatori.


Leggenda

Una leggenda vede protagonista delle Grotte il gladiatore romano Spartaco, che avrebbe fatto sosta proprio al loro interno dopo essere stato sconfitto in battaglia dall'esercito romano.

Per via di tale narrazione le Grotte di Castelcivita sono conosciute come Grotte di Spartaco.


Curiosità: Nel 1972, nelle grotte sono state rinvenute tracce di occupazione da parte dell'uomo di Neanderthal, scomparso circa 40.000 anni fa.


Scopri altre meraviglie su www.tuttitaly.com


Comments


     OTTIENI GLI AGGIORNAMENTI DEL BLOG SULLA TUA EMAIL!

IMG_6278.PNG
bottom of page