top of page

Rifugio Passo Principe - San Giovanni di Fassa (Pozza di Fassa-Vigo di Fassa - TN) - Val di Fassa - Trentino-Alto Adige

I suoi 2 nomi, italiano Passo Principe e tedesco Grasleitenpasshütte, non sono la traduzione l'uno dell'altro - Dolomiti...dichiarate nel 2009 Patrimonio #UNESCO per l'unicità e la bellezza del paesaggio in cui sono immerse... #tuttitaly

Rifugio Passo Principe - San Giovanni di Fassa (Pozza di Fassa-Vigo di Fassa - TN) - Val di Fassa - Trentino-Alto Adige

Il Rifugio Passo Principe è situato all'omonimo passo, ai piedi dell'imponente Catinaccio d'Antermoia (3004m). Dai suoi nomi, si capisce che esso è situato tra un'area di lingua Tedesca ed una Ladina. Si trova inoltre su un importante crocevia di sentieri, ed è un ottima base d'appoggio per appassionanti escursioni ed arrampicate.


La prima struttura del rifugio fu costruita in Valle da Franz Kofler di Campitello, nel 1952. Smontata e trasportata a spalle fino a Passo Principe, viene qui rimontata nel 2006.

Le guide alpine Sergio e Daniele, padre e figlio, lo ricostruiscono completamente e lo riaprono al pubblico nel 2008.


I suoi due nomi, uno in italiano e l'altro in tedesco, non sono la traduzione l'uno dell'altro. In tedesco, il Rifugio è chiamato Grasleitenpasshütte, che tradotto significa "il rifugio al passo sopra gli ultimi pascoli." Questo nome ha quindi un significato legato all'ambiente ed alla pastorizia.


In italiano, invece, il nome è dedicato a Daniel Zen, neo eletto principe vescovo di Bressanone. La storia racconta che tra il 1627 e il 1628, egli si recò in Val di Fassa per fare visita ai propri sudditi fassani.

All'epoca la Val di Fassa apparteneva al Principato Vescovile di Bressanone, e Daniel Zen aiutò i propri conterranei a pagare le imposte dovute ai Capitanati dell'Impero.


Quindi, in segno di ringraziamento, essi decisero di chiamare appunto Passo Principe il valico che Daniel Zen attraversò per raggiungere la Val di Fassa in quella circostanza.


Oggi, pur mantenendo la sua tipicità di rifugio d'alta montagna, è dotato di piccoli confort: camerate in legno, doccia, asciugatoio, bar e buona cucina tirolese. Mette quindi a disposizione 25 posti letto.


Hai il vantaggio di farti consigliare ed accompagnare direttamente dai gestori Guide Alpine Sergio e Daniele, e puoi farti ospitare anche durante la stagione invernale, perché aperto per sci, alpinismo e ciaspole.

Accessi al rifugio

- Dalla Val di Fassa:

È possibile salire in quota con la funivia da Vigo di Fassa sino al Ciampediè, da dove un comodo sentiero semi-pianeggiante porta a Gardeccia (ore 0.45).

Da Gardeccia risalire la strada sterrata, fino ai rifugi Preuss e Vajolet m 2245 (ore 1).

Proseguire nell’ampio vallone per comodo sentiero sulla destra orografica, fino Passo Principe -Grasleitenpasshütte m2600 ed all’omonimo rifugio (ore 1,15).

- Dal versante Altoatesino:

Partendo dai Bagni di Lavina Bianca – Weisslahnbad presso l'abitato di Tires: si raggiunge il Rifugio Bergamo -Grasleitenhütte m2165(ore 3,30) lungo la bella Val Ciamin, poi ripido sentiero ghiaioso fino al rifugio passo Principe – Grasleitenpasshütten (ore 1,30)." Cit. rifugidelcatinaccio.it


Scopri altre meraviglie su www.tuttitaly.com


Comments


     OTTIENI GLI AGGIORNAMENTI DEL BLOG SULLA TUA EMAIL!

IMG_6278.PNG
bottom of page